#19O in 100mila in Piazza – Una nuova stagione per i movimenti per il diritto all’abitare

shockpap

Una nuova stagione per i movimenti per il diritto all’abitare
La manifestazione e la mobilitazione complessiva che a Roma vede in piazza movimenti e organizzazioni sociali di tutto il paese per rivendicare una equa e giusta distribuzione di quella ricchezza che tutti i giorni viene espropriata ai danni del 99% in favore di pochissimi che stanno al vertice del capitalismo finanziario e delle caste corrotte a loro disposizione, nasce dalla proposta dei movimenti di lotta per la casa che negli ultimi mesi, da Nord a Sud, hanno dato vita ad una nuova stagione di riappropriazione e di conquista di reddito indiretto. Le nuove occupazioni in tutta Italia hanno dato casa a migliaia di famiglie che la fame dei palazzinari aveva espropriato del diritto ad un tetto. Dentro a queste esperienze si sono sviluppate nuove e articolate forme di cooperazione sociale, di mutuo soccorso. La consapevolezza che non abbiamo nulla da attenderci dal palazzo ha dato vita ad un fenomeno diffuso in cui i conflitti contro le grandi operazioni di gentrificazione urbana (ovvero le speculazioni che cacciano i precedenti abitanti per far crescere il valore degli immobili) si auto-organizzano e costruiscono campagne di rivendicazioni, mentre costruiscono strade per liberarsi dal bisogno e dalla precarietà quotidiana, trovando assieme quelle risposte che è inutile attendersi dall’alto.
Siamo a Roma per portare la forza di questi percorsi sociali a rivendicare con determinazione
– una moratoria contro Sfratti, Sgomberi e Pignoramenti
– la fine della cessione del patrimonio pubblico a prezzi di saldo per finanziare contemporaneamente grandi opere inutili e dannose
E non ci fermeremo finché non avremo portato a casa questi obiettivi, utili per ripartire con nuova forza nella lotta per una giusta redistribuzione del reddito e la fine dell’esproprio del 99%.

 

Una sola grande opera, CASA e REDDITO per TUTTI
I movimenti per il diritto alla casa delle città e delle metropoli italiane hanno incontrato i NoMuos e i NoTav sulla loro strada, consapevoli che soltanto un territorio resistente può difendersi dalla furia devastatrice delle mafie che passano sopra all’ecologia e alle vite delle persone, si tratti di un treno inutile e superveloce, oppure di un grande evento come quello di Expo 2015. Hanno incontrato gli studenti e i migranti, più semplicemente guardandosi allo specchio e riconoscendo una composizione sociale molto varia nelle assemblee e nelle mobilitazioni per rivendicare un diritto al tetto. A coloro che vengono, spesso, compassionevolmente chiamati “gli ultimi”, salvo essere scaricati nel quadro della guerra tra poveri, ovvero ai rifugiati o agli abitanti, spesso migranti o meticci, dei quartieri popolari, si sono accompagnati migliaia di giovani che, stanchi di essere chiamati bamboccioni hanno cominciato a passare all’azione nella riconquista del reddito. Trovarci oggi a Roma in migliaia non è che una tappa, un modo di mobilitare alla lotta comune tanti che sbattono quotidianamente la testa in tempi di crisi e rischiano di affogare nell’alienazione e nella solitudine.
Organizzati, Partecipa, Lotta!

Racconta il tuo #19O, scrivi il tuo capitolo della lotta!
Questo materiale è un contributo del Cantiere per le giornate di mobilitazione attorno al #19O. Qui troverete qualche informazione utile, ma soprattutto dei riferimenti per continuare le lotte.
Questo box è un esperimento creativo… vogliamo che a raccontare questa giornata siate tutti voi, ma soprattutto che attraverso questo esperimento parlino le lotte e le esperienze singolari di chi sceglie di auto-organizzarsi per conquistare i diritti e soddisfare i bisogni in tempi di crisi, senza soccombere e restare soli di fronte alla guerra scatenata dalla finanza contro l’umanità. Negli ultimi anni la conquista di una piazza e la resistenza è stata tante volte il luogo di composizione, simbolica e concreta di movimenti sociali, è successo a Tahrir e a Puerta del Sol, ma più recentemente a Taksim. Si tratta di una moltitudine di persone che portano con sé desideri e pensieri differenti, che non sono riconducibili facilmente ad una sola figura sociale , ma che si ritrovano assieme a battersi per la libertà e l’eguaglianza, in un’epoca in cui è sempre più evidente che la scarsità è prodotta artificialmente dal neoliberismo che cattura la potenza della nostra cooperazione sociale per alimentare il profitto di pochi… RACCONTACI IL TUO #19O. Perché sei sceso in piazza! Quali sono le tue rivendicazioni e quali le esperienze di auto-organizzazione, conflitto e mutuo soccorso che costruisci sul tuo territorio? Aiutaci e fare di questo box uno strumento per una cartografia delle lotte che le renda riproducibili e comunicabili.
Scrivi contributi a  cantiere@cantiere.org oppure linkali al twitter @shockpress

Fonte: http://www.cantiere.org/art-04236/diretta-19o-sollevazione-generale-manifestazione-assedio-roma.html#shockpaper

Annunci

Un commento su “#19O in 100mila in Piazza – Una nuova stagione per i movimenti per il diritto all’abitare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...