La Cina e Ferrara mai così vicine, apre il Centro interculturale italo-cinese

centro_itacina

di Daniele Oppo

Dopo un anno “sperimentale” passato da gradito ospite al liceo Roiti, ora il Centro interculturale italo-cinese è pronto per camminare con le proprie gambe. Apre i battenti, in via Goretti 90,  la nuova sede dell’associazione che ha come scopo primario quello di creare un ponte fra due culture così diverse e lontane.

A dettare le linee guida è Cai Jin, il giovane ed intraprendente (oltre che emozionato per l’occasione) presidente: “questo è l’inizio di un’avventura di integrazione e coesione sociale, nel rispetto del diritto e della laicità, per l’edificazione di un bene comune”. Strada non semplice, e a mettere il proprio ironico cappello sulle difficoltà ci pensa la burocrazia che trova il modo di lasciare senza corrente elettrica il nuovo centro operativo dell’associazione proprio il giorno dell’inaugurazione. Poco male, sia il presidente che gli altri componenti del direttivo  (Wu Qifa, Yao Yi, Lu Xian e Jang Yan e, infine, Stefano Droghetti, Riccardo Pacchioni) sembrano brillare di luce propria, soddisfatti per la quantità di amici venuti a portare un saluto e per la presenza delle istituzioni, dalla presidente della Provincia Marcella Zappaterra al sindaco Tiziano Tagliani, passando per l’assessore Massimo Maisto (che si ricorda di Cai Jin “da quando ancora era piccolino e veniva a vedere i Busker’s”) venute per il rituale taglio del nastro.

“Siamo tutti abituati a rincorrere la conoscenza delle lingue anche se noi italiani siamo un po’ pigri in questo -afferma Tagliani- ma oggi questi ragazzi, in un contesto in cui la lingua cinese è sempre più importante, rovesciano il concetto offrendo a Ferrara l’opportunità di colmare le sue carenze – afferma il sindaco che conclude-: dobbiamo aprire le nostre teste prima dei nostri passaporti e la chiave è la conoscenza che aiuta a capirsi e arricchirsi a vicenda”. Anche dalla Zappaterra arrivano lodi: “si sono trovati uno spazio in cui stare, si sono autofinanziati senza chiedere nulla e hanno messo in piedi un vero e proprio istituto che offre un servizio alla comunità ferrarese che ora ha l’opportunità di imparare la lingua cinese ai livelli più alti”.

Imparare una nuova lingua, certamente -il Centro è  ente certificatore per l’Università per stranieri di Siena- ma l’associazione ha come obiettivo anche quello di far incontrare due culture profondamente diverse (ammesso che quella cinese possa essere considerata unitaria) attraverso tante iniziative e, non da ultimo, offrire supporto per le famiglie, gli imprenditori e i lavoratori cinesi a Ferrara: “le famiglie cinesi sono in aumento ma tutti si rinchiudono in casa perché hanno paura di affrontare le pratiche burocratiche -spiega Cai Jin-, noi offriamo loro supporto e lo offriamo anche alle casalinghe affinché imparino l’italiano senza paura”.

Dopo i discorsi di saluto e di ringraziamento è l’ora del buffet: specialità cinesi di qualità e in quantità sembrano un buon modo per iniziare a capirsi.

Fonte:  http://www.estense.com/?p=324847

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...